Fiat 500 l’iconica auto esposta al Moma di New York- #galdierirentracconta

 
Come nasce un piccolo capolavoro made in Italy: Fiat 500

Alla fine degli anni ’60 la Fiat stava rinnovando profondamente la sua gamma di prodotti.

A Torino erano fermamente convinti nel passare a vetture con motore anteriore e trazione anteriore, visto l’enorme vantaggio che tale soluzione dava in termini di guidabilità, costi e sfruttamento degli spazi interni.

Ma nel segmento delle city car come si poteva contrastare la concorrenza sempre più agguerrita e all’avanguardia?

La Fiat 500 era ormai obsoleta ma ci voleva tempo per sviluppare una nuova vettura partendo da un foglio bianco.

In Fiat si giocarono la carta del restyling e proposero un’auto destinata a diventare un enorme successo commerciale: la 500 L, dove L stava per lusso.

Sedili più imbottiti e reclinabili, paraurti tubolari, nuove coppe ruota e una bellissima gamma colori che andava dal borghese blu scuro all‘innovativo e rivoluzionario giallo Positano.

Con la Fiat 500 L la piccola utilitaria torinese fece un salto avanti passando da auto del popolo a seconda auto premium per le famiglie della medio alta borghesia.

Fu un successo commerciale non solo in Italia ma in tutta Europa.

La meccanica affidabile, unita finalmente a rifiniture curate, rese la Fiat 500 L l’auto da città perfetta.

Probabilmente in Fiat quando hanno progettato la Fiat 500 3 porte attuale devono aver pensato sicuramente alla L del 1969 dando alla nuova compatta una connotazione “premium” che l’ha resa nuovamente un successo.

Oggi quest’auto è sinonimo di premium oltre che di stile e non è un caso che una Fiat 500 sia esposta al Moma di New York.

Ti piacerebbe avere maggiori informazioni sul noleggio auto lungo termine?

Visita il nostro sito www.galdierirent.it