Jack Brabham: black Jack!

In #laformuladeigrandi di alessandro fedullo


Jack Brabham è un uomo taciturno, con innata velocità. Piaceva tanto ad Enzo Ferrari.
Sconosciuto in Europa, un eroe in Australia dove aveva praticamente vinto tutto.

Partito come riparatore di auto, è la passione per gli aerei a portarlo ad amare la velocità. Sarà l’unico pilota e al tempo stesso costruttore ad aver vinto un mondiale.

Alla fine degli anni cinquanta è nel vecchio continente per tentare la fortuna.
Troverà in John Cooper il suo mentore e, insieme, svilupperanno un’auto rivoluzionaria destinata a sconvolgere il mondo delle corse, la Cooper – Climax con motore non più anteriore, ma centrale.

Enzo Ferrari li prende in giro, dicendo che non si può mettere il carro davanti ai buoi.
Il Drake dovrà però presto ricredersi perché quella piccola vettura verde e bianca è agile e velocissima per la sua innovativa disposizione meccanica, prendendosi il lusso di umiliarlo più d’una volta.


Tony Brooks e la sua Ferrari nulla possono contro le Cooper sui circuiti ricchi di curve.
A Miami, ultimo atto di un mondiale molto combattuto, Brabham (soprannominato Black Jack) e Cooper sono campioni del mondo.

Una vittoria inaspettata, partorita da un outsider, John Cooper, che ha scommesso su un pilota semisconosciuto e su una nuova tecnologia destinata a fare scuola.
La riprova che a volte bisogna osare.

E’ uscito il nostro book magazine Galdierirent Racconta!

Un meraviglioso ed affascinante viaggio alla scoperta di storie di automobili e persone, come nessuno le ha mai raccontate!
Se entri a far parte della nostra community di appassionati su Facebook, potrai leggere tutti i nostri numeri. 

Ti aspettiamo! 

Condividi su: