Innocenti: una grande realtà industriale- #galdierirentracconta

In #Galdierirentracconta di admin
Il sogno

Luigi Innocenti, figlio del grande Ferdinando, fondatore della Innocenti s.p.a. nota per la costruzione dei geniali ponteggi e del piccolo scooter  “Lambretta”, ha un sogno molto ambizioso: costruire un’automobile  nella storica fabbrica di famiglia a Lambrate.

Costruire un’auto da zero è molto oneroso e così la Innocenti stipula un accordo con gli inglesi della British Motor Corporation per fabbricare su licenza la  Austin A40.

Da questo accordo le due compagnie traevano reciproco vantaggio: gli inglesi avrebbero potuto vendere in Italia la loro Austin, gli italiani potevano entrare in una nicchia di mercato lasciata scoperta dalla Fiat.

L’Innocenti Austin A40 con il suo motore da 1 litro permise alla neonata casa milanese di entrare nelle grazie di quella clientela che desiderava una vettura di classe superiore.

Sull’onda dell’ottimo successo commerciale della A40  la Innocenti lancia altri due ottimi modelli: la 950 Spider e la Im3. 

Con queste auto la Innocenti si è ormai ricavata  una stabile posizione nel mercato nazionale che riesce a consolidare ulteriormente con il lancio nel 1965 della Mini Minor.

Le Mini prodotte a Milano, meglio assemblate e con migliori meccaniche rispetto alle originali inglesi, costano meno senza dazi doganali

La mini è un successo e porta Innocenti ad essere il terzo costruttore di auto in Italia. A tale risultato contribuisce anche la versione “Cooper”, potente quanto l’originale inglese ma esteticamente più chic.

A fine 60 cominciamo per la Innocenti problemi per l’incapace gestione aziendale del figlio dello scomparso fondatore Ferdinando.

E’ l’inizio della fine che porta ad una riorganizzazione della fabbrica con la cessione del comparto auto nel 1972 alla British Leyland

La crisi che sconvolge la Leyland nel 1974 investe anche la Innocenti  che si trova sull’orlo del fallimento. Grazie alla Ge.pi. di Alejandro De Tomaso e all’IRI si scongiura la chiusura definitiva ma, ormai, la credibilità è persa.

Dopo la Mini 90 il marketing e gli ingegneri della casa, non riescono a proporre nulla di attrattivo per il mercato.

La Innocenti  viene ceduta a Fiat alla fine degli anni 80 e dopo tanti passi falsi viene progressivamente abbandonata.

Oggi delle auto Innocenti rimane solo il ricordo grazie a tanti appassionati attivi in tutta Europa.

Sei interessato al noleggio a lungo termine? Non perdere le nostre offerte!

Seguici sui canali social:

Facebookhttps://www.facebook.com/galdierirent/

Instagramhttps://www.instagram.com/galdieri_rent/

Condividi su: